Randagismo, Comune responsabile per le aggressioni

Randagismo, Comune responsabile per le aggressioniMolte volte sentiamo parlare di randagismo e della responsabilità per le aggressioni subite da chi si imbatte in cani senza padrone. A chi spetta risarcire i danni provocati da animali che, non appartenendo ad alcuno, aggrediscono i passanti? Verrebbe inizialmente da pensare ad una responsabilità solidale tra il Comune e l’Azienda sanitaria. È quanto avvenuto a Gela, comune siciliano, ove sia il Tribunale che la Corte di Appello hanno ritenuto che i due enti fossero entrambi responsabili per i danni subiti da una bambina aggredita da cani randagi.
Ricorrendo in Cassazione, però, l’Azienda sanitaria ha ottenuto un ribaltamento dello scenario poc’anzi prospettato. Secondo gli Ermellini1, infatti, “la responsabilità per i danni causati dai cani randagi [spetta] esclusivamente all’ente cui è attribuito dalla legge il compito di prevenire il pericolo specifico per l’incolumità della popolazione connesso al randagismo, e cioè il compito della cattura e della custodia dei cani vaganti o randagi“. Continuano i Giudici del Palazzaccio, sostenendo che “l’attribuzione per legge ad uno o più determinati enti pubblici del compito della cattura e della custodia degli animali vaganti o randagi (e cioè liberi e privi di proprietario) può infatti considerarsi il fondamento della responsabilità per i danni eventualmente arrecati alla popolazione dagli animali suddetti, anche sotto l’aspetto della responsabilità civile. Non può invece ritenersi sufficiente, a tal fine, l’attribuzione di generici compiti di prevenzione del randagismo, e a maggior ragione di semplici compiti di controllo delle nascite della popolazione canina e felina. Tali ultimi competenze, in particolare, non possono ritenersi direttamente riferibili alla prevenzione dello specifico rischio per l’incolumità della popolazione derivante dalla eventuale pericolosità degli animali randagi, e non possono quindi fondare una responsabilità civile per i danni da questi ultimi arrecati, avendo ad oggetto il solo controllo numerico della popolazione canina, a fini di igiene e profilassi e, al più, una solo generica e indiretta prevenzione dei vari inconvenienti legati al randagismo“.
In particolare, a disciplinare la materia è la legge regionale. Nel caso di specie affrontato dalla Corte Suprema la Regione Sicilia ha stabilito2 che “il compito di cattura e di custodia dei randagi nelle apposite strutture è attribuito esclusivamente ai Comuni [mentre] all’Azienda sanitaria sono attribuiti semplici compiti di generale controllo della popolazione canina, ma senza alcuna competenza in relazione alla cattura e alla custodia“. Poiché la legge quadro statale n. 281/1991 non indica direttamente a quale ente spetti il compito di cattura e custodia dei cani randagi, ma rimette alle regioni la regolamentazione concreta della materia, occorre analizzare la normativa regionale, caso per caso. Spetta alla Regione, dunque, determinare in capo a chi gravi l’onere di vigilare e chi debba perciò rispondere per gli eventuali danni provocati da animali vaganti nel territorio comunale.

Vuoi richiedere una consulenza sull'argomento appena trattato? Cicca Qui. Se invece hai bisogno di uno specifico servizio legale clicca Qui.

Condividi
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  

Note   [ + ]

1. Cass. Civ., sez III, 18/05/2017, n. 12495.
2. Art. 14, legge della Regione Sicilia del 3 luglio 2000, n. 15.

Lascia un commento